Laurea magistrale in Banca e finanza

Private e corporate banking - MODULO I

Codice insegnamento
4S01773
Docente
Emanuele Maria Carluccio
crediti
6
Settore disciplinare
SECS-P/11 - ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
secondo semestre dal 17-feb-2014 al 30-mag-2014.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Obiettivi formativi

Il Corso è concepito come un approfondimento di alcune tematiche specifiche dell’intermediazione finanziaria, a completamento di quanto appreso nei Corsi idealmente propedeutici di Economia e Gestione della Banca ed Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari. Obiettivo del Corso è quello di soffermarsi sulle logiche gestionali che vengono seguite dagli intermediari finanziari nelle due aree d’affari del private banking e del corporate banking. Nella prima parte del Corso, dedicata al private banking, si approfondisce l’analisi della gamma di servizi che caratterizza la consulenza agli investimenti rivolta agli investitori privati. Nella seconda parte del Corso, dedicata al corporate banking, si focalizza l’attenzione prevalentemente, se non esclusivamente, sulla finanza straordinaria, dando ampio spazio all’approfondimento di tutte le operazioni/tecniche che non rientrano nella più tradizionale attività di corporate lending.
Le modalità didattiche consistono in lezioni frontali, integrate con testimonianze di esperti provenienti dalla realtà operativa su tematiche specifiche.

Programma

PRIVATE BANKING
1. Il contesto normativo di riferimento e gli attori presenti nel settore della consulenza rivolta agli investitori privati
2. Il processo di asset allocation strategica
3. I limiti del modello di Markowitz e i possibili interventi correttivi
4. La valutazione del profilo di rischio del cliente e la scelta del portafoglio ottimale
5. Dai portafogli in benchmark ai portafogli multimanager di fondi e di prodotti di risparmio gestito
6. Il monitoraggio del profilo di rischio del portafoglio e la movimentazione tattica dello stesso
7. La valutazione e la scomposizione della performance


Libri di testo
Raccolte di letture e materiali/esercitazioni/casi messi a disposizione in aula dal docente.

Per i non frequentanti:
P. MUSILE TANZI (a cura di), Manuale del Private Banker, 5° edizione, Egea, 2007, limitatamente ai capitoli: 1, 2, 3, 4, 7.

Il contenuto dei libri di testo è aderente al programma.

Modalità d'esame

La modalità di accertamento dell’apprendimento consiste in una prova scritta con domande a risposta multipla e/o aperte e/o esercizi.
La prova d’esame è volta, da un lato, ad accertare le conoscenze acquisite dallo studente circa le specificità del private banking e del corporate banking, e, dall’altro lato, a valutare le sue capacità di analizzare in modo critico i servizi offerti nel private banking e le attività di finanza straordinaria svolte nel corporate banking.



© 2002 - 2021  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234